NO AL PROLUNGAMENTO ESTIVO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE

È circolata nei giorni scorsi la proposta del nuovo primo ministro Draghi a proposito di un allungamento delle attività didattiche nel periodo estivo, motivata dalla necessità di recuperare quanto perso per le interruzioni e lezioni in didattica digitale, osserviamo quanto segue.

Ad ogni interruzione è stata attivata la DDI, quindi non si può dire che gli/le studenti/esse abbiano perso giorni di scuola. A meno che non si consideri la didattica digitale inefficiente, come a dire che l’impegno di centinaia di migliaia di docenti e studenti per mantenere viva la continuità del dialogo educativo, anche nelle condizioni estreme della DAD/DDI, è stato solo un inutile sforzo. A questo punto però bisognerebbe considerare nulli gli scrutini di giugno scorso e di febbraio, tutti i collegi docenti e le altre riunioni, far ripetere gli esami universitari e le sessioni di laurea a partire da aprile scorso. Nonché le sedute degli organi istituzionali svoltesi a distanza.

Sappiamo benissimo che la DDI ha enormi limiti e che ha provocato stress e difficoltà anche per la disparità degli strumenti a disposizione nelle famiglie. Sappiamo anche benissimo, però, che in DDI il corpo docente e gli studenti hanno lavorato, hanno sviluppato un percorso formativo, hanno svolto prove, esercitazioni, programmi.

Come al solito, invece di affrontare le reali emergenze della scuola (precariato, sovraffollamento delle classi, insicurezza delle strutture) ci si concentra sugli aspetti propagandistici, disconoscendo il lavoro dei docenti, i ritmi di apprendimento degli studenti, l’invivibilità delle aule in estate.

Si comincia proprio con il piede sbagliato verso la scuola, proponendo un aggravio di fatica, per docenti e studenti, con la sciagurata ipotesi di frequentare i locali scolastici che già da aprile diventano invivibili per il caldo (non sono ambienti climatizzati, come quelli a cui è evidentemente abituato il Presidente incaricato) e di spostare a luglio gli esami di terza media e di maturità.

Sarebbe invece meglio che il governo si confrontasse e indicasse come intende affrontare e risolvere i veri problemi strutturali della scuola:

1) intende superare lo scandalosa diffusione del precariato con un piano di assunzioni per tutte le cattedre vacanti?

2) intende sviluppare un piano di reclutamento che incrementi adeguatamente il personale docente e ATA?

3) intende diminuire il numero degli alunni per classe (non oltre 20)?

4) intende investire una parte consistente del Recovery Plan nell’edilizia scolastica per mettere in sicurezza, ristrutturare e costruire nuovi locali ed offrire ambienti accoglienti e sicuri?

5) intende introdurre climatizzazione e ventilatori per il ricambio e la sanificazione dell’aria negli ambienti scolastici?

La scuola pubblica ha bisogno di ben altro che dichiarazioni e provvedimenti propagandistici, che non rivelano attenzione ma una concezione aziendalistica e produttivistica della scuola.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: