A SETTEMBRE TUTTI A SCUOLA IN SICUREZZA

Docenti, personale ATA, studenti e famiglie, con la Didattica a Distanza, hanno mantenuto vivo il dialogo scolastico-educativo. Ma la scuola è un’altra cosa, è relazione, empatia, contatto, non è addestramento e si può fare solo in presenza. Bisogna superare l’emergenza educativa per far sì che in classe gli studenti acquisiscano il sapere necessario per partecipare criticamente ai processi storico-sociali.

Per far ripartire a settembre  la scuola in sicurezza occorre:

  • Investire risorse per almeno 15 miliardi di euro. Anche sfruttando, soprattutto nel meridione, i fondi strutturali del periodo 2014-2020 ancora non utilizzati

  • Ridurre il numero di alunni per classe (max 15)

  • Un piano straordinario per l’edilizia scolastica: per ristrutturare i locali in uso  (in Italia, l’età media è di oltre 50 anni) e individuarne nuovi, recuperando il patrimonio immobiliare pubblico sfitto e determinando grandi opportunità occupazionali

  • Assumere immediatamente tutti i precari, Docenti e ATA, con almeno 36-24 mesi di servizio. Se non verrà fatto a settembre mancheranno circa 200.000 dipendenti

  • Dire No alle Linee guida governative per la riapertura della scuola, ai piani Colao, Bianchi e dell’ANP (Associazione Nazionale Presidi) sulla scuola, il cui comune denominatore, figlio dei desiderata di Confindustria è il pieno compimento del processo di gerarchizzazione e aziendalizzazione iniziato con l’autonomia scolastica

  • Dire No a qualunque forma di esternalizzazione del lavoro docente e ATA, assumendo a tempo indeterminato tutto il personale che, senza dipendere dal MIUR, lavora nelle scuole per l’assistenza ai disabili, per le pulizie ecc.

  • Ridare centralità alle esigenze degli alunni diversabili, tra i più discriminati dalla Didattica a Distanza

  • Estendere il tempo pieno in tutte le regioni d’Italia

  • Dire No alla distruzione del gruppo classe e alla costituzione di classi omogenee per livello

  • Dire No alle ore di 40 minuti

  • Dire No al finanziamento delle scuole private

    Giovedì 25 giugno 2020 giornata nazionale di mobilitazione per rilanciare la scuola pubblica indetta da Priorità alla Scuola, con manifestazioni in contemporanea in decine di città alle ore 18.00

Gli appuntamenti in Sicilia e i promotori

CATANIA piazza Università

PALERMO piazza Politeama

SIRACUSA piazza Tempio di Apollo – Largo XXV luglio

  • Cobas Scuola

  • Cobas Asacom Scuola

  • La Città Felice

  • La Ragnatela

  • Partito Comunista Italiano

  • Rifondazione Comunista

  • Red Militant

  • LILA

  • Comitato in difesa della Costituzione

  • Comitato contro l’autonomia

    differenziata

  • Fronte della Gioventù Comunista

  • Liberi Pensieri Studenteschi

  • Cobas Scuola

  • Cobas Asacom Scuola

  • LEDD

  • Potere al Popolo

  • Osservatorio Diritti Scuola

  • Rifondazione Comunista

  • Sinistra Comune

  • CIDI

  • La Conta. La Scuola Buona siamo noi

  • Avanti Insieme

  • Partito Comunista

  • Cobas Scuola

  • Cobas Asacom Scuola

  • Stonewall

  • Arci Siracusa

  • Arcigay Siracusa

  • Arciragazzi Siracusa 2.0

  • Astrea in memoria di Stefano

    Biondo

  • Zuimama Arciragazzi

  • Anas provinciale Siracusa

A Messina appuntamento in piazza Municipio alle 18.00

Scarica e condividi questo articolo in formato pdf

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: